Intervista a Valeria Caracuta al termine della finale della 17a Supercoppa Italiana 2014 tra Piacenza e Unendo Yamamay 3-2.

 

Non bastano alla Unendo Yamamay i 35 punti di una straordinaria Valentina Diouf per avere la meglio sulla Nordmeccanica Rebecchi Piacenza nella finale di Supercoppa Italiana 2014. Finisce 3-2 per le emiliane, che reggono meglio alla distanza e recuperano due volte lo svantaggio nei set. Le farfalle, incitate da ben 1500 tifosi giunti da Busto Arsizio, avevano infatti iniziato il match nel migliore dei modi, infliggendo un pesante 25-15 alle avversarie nel primo parziale. Il secondo set è stata l’esatta copia, al contrario però, del primo: la Nordmeccanica ha trovato fluidità di gioco e sospinta dagli attacchi di Van Hecke (17 punti totali) e Di Iulio (24) ha rimesso in pari lo score. Dal terzo set si è giocato in equilibrio: con i 14 punti nel parziale di Diouf la UYBA è riuscita a riportarsi avanti, ma dal quarto set, complice l’uscita dal campo di Havelkova, dolorante alla coscia sinistra, Leggeri e compagne hanno preso il sopravvento. Salita in cattedra anche la centrale domenicana Vargas (15 punti a tabellino, con 5 muri), le farfalle non hanno più trovato le forze per contrastare le avversarie. Nelle fila biancorossa, oltre alla già citata ottima prova di Diouf (52% offensivo per lei), da sottolineare il match di sostanza della centrale russa Lyubushkina, seconda uscita di serata per Wolosz (17 punti col 73% per lei) e le grandi difese diGiulia Leonardi in seconda linea: queste le note più liete della serata per coach Carlo Parisi.
(Giorgio Ferrario – Ufficio stampa UYBA)

Servizio realizzato da Paolo Mazzucchelli, Simone Bertoletti, Salvatore Criniti

Category:

2014

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*